Lettera ai soci in occasione della serata di insediamento il 6 luglio 2009 Stampa E-mail
Notizie - Storia Club

Firenze, 6 luglio 2009

 

ROTARY CLUB FIRENZE BRUNELLESCHI

 Rotary International – Distretto 2070

Anno Rotariano 2010/2011

www.rotaryfirenzebrunelleschi.org

Il Segretario

 

Carissimi,

un ringraziamento  per la fiducia  che mi avete dimostrato affidandomi il prestigioso incarico di Presidente del nostro Club per questo anno rotariano 2009-2010, il 16° dalla sua costituzione.

L’inizio nel 1993 è stata una sfida, per la particolarità con cui questo club è stato fondato: il primo in Toscana con una componente femminile, fatto che ha rotto schemi ed abitudini quasi centenarie. Vi chiedo di aiutarmi a proseguire  anche oggi con l’entusiasmo di allora se pure in un momento diverso, collaborando tutti.

Il Consiglio che mi affianca è  entusiasta nell’organizzare, preparare  e programmare le riunioni di quest’anno secondo lo spirito che da sempre guida il nostro club: amicizia, stima, serietà ma anche allegria e voglia di stare insieme e di collaborare: in questo primo periodo ne ho avuto continue dimostrazioni   da parte di tutti!

È veramente una bella sensazione e un contributo a fare e a fare sempre meglio, consapevoli comunque che non sempre è possibile accontentare tutti, ma   sempre aperti ad ogni suggerimento e ad accogliere le idee di chi vorrà proporre qualcosa.

 

Abbiamo sinteticamente riassunto gli obiettivi di questo anno in tre punti:

-          affiatamento, quindi maggior conoscenza tra noi collaborando alle varie iniziative

-          conoscenza della nostra città, sotto l’aspetto delle sue eccellenze, parliamo bene di Firenze e non solo di quello che non va e che tutti conosciamo, facciamo emergere quello che ci fa sentire orgogliosi di essere fiorentini o toscani

-   internazionalità di Firenze, perché è tanto amata dagli stranieri. Li inviteremo a farci               conoscere la loro cultura e le loro tradizioni e  ci confronteremo con spirito aperto.

 

Abbiamo quindi programmato le nostre riunioni settimanali tenendo conto il più possibile di questo schema:

1° Lunedì del meseore 19,15- Caminetto tenuto da un socio o meglio da un gruppo di soci di professionalità omogenee, che riportino le attualità  del mese precedente nel  loro specifico  settore professionale. Vorrei quindi che assieme parlassimo dei temi scottanti del momento, in un’ottica di costruttiva discussione e possibilmente di ottimismo

2° Lunedì ore 20- Conviviale con ospiti che siano ‘eccellenze’ a Firenze o facciano risaltare le eccellenze a Firenze: dovremo ospitare personaggi di spicco della scena fiorentina

3° Lunedì- –ore 19,15- Caminetto – dedicato a conoscerci meglio, quindi alla presentazione dei nuovi soci o anche dei vecchi soci che, magari nel tempo, hanno cambiato o modificato la propria attività.

Non dobbiamo dimenticare la formazione rotariana  quindi in alternativa,  un past president, a rotazione ci parlerà di argomenti diversi rotariani,  (assiduità…protocollo…ammissioni…,ecc)    Le riunioni previste con argomento “Rotary” saranno all’incirca ogni due mesi.

4° Lunedì – ore 20- Conviviale  con il tema dell’internazionalità – coinvolgendo personaggi stranieri  o che hanno esperienze e conoscenze di altri paesi  

 

 

 

Per conoscersi meglio e stare insieme e quindi perseguire il nostro primo obiettivo combinandolo comunque con l’ultimo, l’internazionalità del Rotary e di Firenze, propongo due uscite:

- un fine settimana a fine novembre a Napoli per vedere i famosi presepi, da organizzare con l’aiuto del RC di Napoli

- ed un fine settimana poco più lungo a Cracovia, città polacca di grande fascino, agli inizi di febbraio con la collaborazione del RC Krakow, di cui un socio è stato nostro ospite lo scorso anno.

- Potrebbe essere possibile anche una visita a San Pietroburgo in maggio con la collaborazione del RC Mosca, che sarà nostro ospite alla fine di ottobre.

Tre uscite sono molte, me ne rendo conto, ma sono possibili, certamente aiutano l’amicizia e la coesione. Lascio a voi decidere sulla terza, che è più lontana ed è possibile solo a maggio che non è generalmente un mese facile in tanti settori di lavoro.

 

Per quanto riguarda i service:

  1. il primo, lo stiamo facendo questa sera per il museo Stibbert, contribuendo al restauro della camera di Frederick e del  suo spogliatoio
  2. il Camp “Conoscersi per comprendersi”, service volto ai giovani, che oggi sono presenti con noi e che per dieci giorni ci coinvolge completamente
  3. Uganda, compreremo quanto serve ad un numero congruo di famiglie per il loro sostentamento,   per insegnare loro a lavorare la terra e ad allevare gli animali da cortile: arnesi, galline, caprette,  ecc. Il nostro Prefetto ci illustrerà nei dettagli la situazione il prossimo 20 luglio
  4.  è in via di definizione un service assieme agli altri club del gruppo mediceo 
  5. vi aggiornerò durante l’anno su altri service che ora sono ancora in fase di progetto.

 

Questa è una sintesi di quanto stiamo cercando di portare avanti, conto   sulla  vostra partecipazione per raggiungere il successo che il nostro club merita.

Troverete in allegato l’organigramma di quest’anno, le commissioni che proponiamo ed in cui tutti i soci sono inseriti. 

 

A livello di conoscenza personale e di aneddoto ho aggiunto una breve storia dell’inno italiano ed europeo con le parole per memoria, inni, che nella loro notorietà, spesso non sentiamo neppure più, ma che ci rappresentano nel mondo. È bellissimo sentire l’inno italiano o l’inno europeo quando si è all’estero!

 

Ultima cosa che vi chiedo è la puntualità alle riunioni: so cosa vuol dire cominciare presto la giornata ed avere una quantità di cose da fare fino a tardi, per questo, visto che definiamo un’ora, vi chiedo di cercare di tenerne conto, come fosse un appuntamento come gli altri.

Dovendo ricevere ospiti spesso illustri ed ascoltare relazioni molto impegnate, seppur interessanti, dovremo accoglierli dando loro tutta la nostra attenzione quando ancora gli occhi sono aperti e non siamo stravolti dalla stanchezza per l’ora tarda. 

 

Vi  ringrazio per l’attenzione e sicura della vostra partecipazione e coinvolgimento vi auguro un bell’anno rotariano.

 

Giovanna