Relazione del Presidente in occasione della visita del Governatore 9/01/2009 Stampa E-mail
Notizie - Storia Club

 

         Firenze, 12 gennaio 2009                                                                                    

 

ROTARY CLUB FIRENZE BRUNELLESCHI

 Rotary International – Distretto 2070

Anno Rotariano 2010/2011

www.rotaryfirenzebrunelleschi.org 

Il Segretario

 

 

                                                  Visita del Governatore Pietro Terrosi Vagnoli 

   

 
Relazione del Presidente Renzo Gambi

 

Carissimo Governatore,                                         

anzitutto, il Rotary Club Firenze Brunelleschi augura a Te ed alla gentile sig.ra Marta il più caloroso e sincero “BENVENUTO”.

Oggi è una giornata di festa per tutti noi, perché abbiamo la possibilità di mostrarTi il lavoro, la passione, la partecipazione che ha animato il nostro Club durante questi primi sei mesi dell’anno sociale in corso.

E’ presto, naturalmente, per fare dei bilanci, ma a metà dell’opera posso già dire che la priorità assoluta che mi ero posto insieme con tutto il Consiglio Direttivo, quell’AZIONE INTERNA volta a conseguire la più alta partecipazione possibile alle riunioni, allo spirito giusto ed alla vita realmente rotariana del Club, è finalmente ad un passo dal consolidare un risultato importante.

La testimonianza sta non solo nelle percentuali di presenza, nettamente salite nell’anno sociale 2008/2009, ma nelle numerose manifestazioni di gratitudine e di entusiasmo ricevute dal sottoscritto e provenienti dai soci medesimi, all’indomani di eventi particolarmente riusciti: bene, queste manifestazioni di sincera adesione dei soci, che si sono aggiunte alle lusinghiere pubblicazioni della stampa locale, sono il termometro di un benessere dello spirito di appartenenza al Club, e al Rotary in  generale.

Nel solco della saggia direttiva impartita dal Distretto 2070, e da Te in particolare, nella interessante riunione iniziale dei Presidenti a Pisa, si è svolta una attività di recupero dei soci meno presenti, ed una prudente e dilazionata scrematura là dove il recupero si presentava poco probabile: a fronte delle due uscite frutto di questo delicato lavoro, c’è stato un nuovo e ben ponderato ingresso, ma altri sono allo studio della apposita Commissione; per cui è realmente sperabile che l’obbiettivo algebrico dichiarato al Distretto (+1) possa essere rispettato senza forzature di sorta, nella linea di un consolidamento dell’effettivo, anziché di una espansione che, ove fosse affrettata o superficiale, indurrebbe un problema e non un progresso del Club.

Nella chiave di ottenere l’incremento della partecipazione, la massima attenzione è stata quella di proporre ai soci, sia nelle riunioni conviviali che nelle meno formali occasioni di “caminetto”, PROGRAMMI sempre nuovi, stimolanti, legati ai temi della società civile, della cultura, dell’informazione, delle problematiche legate al territorio in cui viviamo. Non sono affatto mancate note di internazionalità, con relatori esteri, tra i quali le borsiste del Rotary International,opportunamente instradate dal loro Tutor, il Consigliere Leonardo Morozzi. Nel mese di settembre, dedicato ai giovani, si è promosso un incontro fra gli stessi e un relatore d’eccezione, quel Mogol che oltre ad essere un vero “guru” di quella forma di cultura che è la musica popolare, si distingue da anni anche nel campo del Service, con l’imponente “fund rising” realizzato dalla “nazionale cantanti”. La serata ha visto la presenza di 250 persone, l’intervento della stampa che ha dato notevole rilievo all’iniziativa del Rotary, ed il filmato televisivo dal quale è tratto il DVD che ho il piacere di regalarTi oggi, e che anche nella versione “spot” da una adeguata idea dell’evento e della sua riuscita.

Il processo di Perugia, per l’omicidio di Meredith, è stato lo spunto per congiungere la professionalità del socio Francesco Maresca (difensore della famiglia Kertcher) a quella della stampa giudiziaria che ha seguito la vicenda. Sempre in tema di AZIONE PROFESSIONALE, combinata con quell’azione interna posta a priorità assoluta, sono state sfruttate le potenzialità dei soci Guya Incerpi e Antonio Lo Pinto, per un tema “Arte e Follia”, assai interessante e se vogliamo precursore, come testimonia la mostra omonima che aprirà a Siena presso il Museo di Santa Maria della Scala. I 60 anni della Costituzione hanno visto la brillante ed elevata relazione del Prof. Andrea Pisaneschi, docente di Costituzionale a Siena e Presidente del Banco Antonveneto. Altra serata di grande rilievo è stata quella dedicata alla Fiorentina, con relazione sull’operazione “fairplay” ad opera dell’Amministratore Delegato Sandro Mencucci (anche in questo caso la stampa è intervenuta, sottolineando la vivacità e l’iniziativa del Nostro Club). Ancora da segnalare, fra le serate di grande successo, “la Toscana nel cinema”, con il noto critico specializzato e giornalista de La Nazione Giovanni Bogani. Sempre di grande rilievo, la serata in cui il Vice Prefetto Dr. Valerio Valenti ha affrontato ed illustrato il tema della “Sicurezza Pubblica” nella nostra città, rapportandolo con la realtà e le statistiche nazionali ed internazionali. Anche lo stile di Vita dei Fiorentini nel tempo libero, ed il suo riflesso nella applicazione dell’Amministrazione della città, hanno dato spunto al Dr. Leonardo Tozzi, Direttore di “Firenze Spettacolo”, per una dissertazione seguita da un ricco dibattito in cui attualità, storia e livello internazionale della città sono stati vagliati e criticati con attenzione.

L’AZIONE PUBBLICA è stata perseguita sotto molteplici aspetti, alcuni già realizzati, altri in procinto di esserlo, mediante l’azione solitaria del R.C. Firenze Brunelleschi, ma anche mediante la sinergia del c.d. “Gruppo Mediceo” (in primavera vi saranno iniziative benefiche al “Sasch Hall” e persino alla “Loggia del Porcellino”, per le quali è prevista la collaborazione di tutti i Club della “Area Medicea”.

Nel contesto della serata con Mogol è stata assegnata una borsa di studio di € 3.500,00 al CET, la nota scuola per giovani musicisti e compositori. In occasione della Festa degli Auguri di Natale, la tradizionale lotteria ha consentito di erogare la somma di € 2.000,00 a favore dell’associazione “Flores de Guatemala” (che si occupa, in linea con le indicazioni del Distretto e del Rotary International, di alfabetizzazione come mezzo preventivo di abbattimento della mortalità, in un contesto geografico, politico e sociale di grande difficoltà).

Nel corso dell’anno è stato completato l’iter del “Matching Grant” con il Club gemellato di Monaco Hofgarten, e quello referente in loco di Boma, nel Congo, che consentito la realizzazione di importanti servizi umanitari a favore delle popolazioni locali, da sempre disagiate e ora colpite anche dalla guerra.

Come si vede, l’AZIONE INTERNAZIONALE non è stata trascurata.

L’occasione è giusta per introdurre, senza sottrarlo alla apposita commissione, il tema, da sempre molto  importante nella storia del R.C. Firenze Brunelleschi, della Rotary Foundation: quest’anno, come deliberato nello scorso anno sociale, il nostro Club avrà la soddisfazione di diventare, al cospetto dei criteri applicativi della Direzione di Evanston, “100% PAUL HARRIS FELLOWS”: l’obbiettivo è stato conseguito mediante una politica chiara ed esplicita, oltre che mirata all’obbiettivo carico di significati simbolici, di incremento razionale delle quote destinate alla Nostra Fondazione.

Nel prossimo futuro, precisamente il 4 aprile 2009, è in programma a Firenze, per il secondo anno e per impulso fra gli altri del Rotary Club Firenze Brunelleschi in accordo con l’Istituto Superiore di Sanità Nazionale e con la Dott. Domenica Taruscio che lo dirige, un convegno medico sul problema delle “Malattie Rare” e per la riduzione del tempo diagnostico mediante un software informatico pensato “ad hoc”.

Tornando all’azione interna, un ruolo trainante ha preso nel tempo il “Rotary Boat Meeting”, che il R.C. Firenze Brunelleschi organizza ormai da ben quattro anni nel mese di luglio, all’Isola d’Elba, per iniziativa convinta del sottoscritto: la partecipazione di ben 20 barche e 100 fra rotariani e familiari “in trasferta” testimonia la bontà di una forma di aggregazione che tra l’altro è istituzionalizzata dalla “Fellowship” dei “navigatori” rotariani, e che si sta estendendo sul piano internazionale e nazionale. Naturalmente, sei invitato alla prossima edizione, nei primi di luglio del 2009. 

La dimostrata operosità, attitudine ed onestà intellettuale del Consiglio Direttivo, e l’entusiasmo più che partecipativo dei soci lasciano ben sperare per la prosecuzione e la conclusione dell’anno sociale, durante il quale sono ovviamente previste e pianificate la partecipazione significativa a tutti gli eventi programmati dal Distretto 2070 (con particolare riguardo al Congresso di Principina, nel maggio a Grosseto), ed anche alla Convention di Birmingham, nel mese di giugno.

So che da buon Governatore/Radiologo, ami la sintesi: perdona allora la verbosità di questo Presidente/ Avvocato…. Ma la carne al fuoco era davvero tanta.

Per OGGI, allora, basta dilungarsi: BENVENUTO fra noi!

Grazie ancora per la fiducia, l’Amicizia Rotariana, e per non meno per l’insegnamento, la guida, l’aiuto che ci hai dato, e che certo ci saprai ancora dare.

Rotarianamente

                                                                                                                    Renzo Gambi